Informativa breve sull'uso di cookie ai sensi del provv. n.229/2014 Garante Privacy. Questo sito usa i cookie per offrirti una migliore esperienza. Leggi l'Informativa sulla Privacy e l'uso dei Cookie. Alcuni servizi esterni (Google, Facebook, Vimeo, Youtube…), se presenti in questo sito, potrebbero utilizzare cookie di profilazione. Se vuoi, puoi bloccarli, modificando le tue Impostazioni Cookie. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Accetto Cookie Policy

Bardolino

Ambrogio Youneed
300x250_Vacanze
COMPRA I MIGLIORI OCCHIALI DA SOLE FIRMATI AL MONDO
VHA 2015 300x250
Euronics Acquista Online - Offerte Imperdibili
Generico Image Banner 300 x 250

Un pò di storia
Bardolino sorge sulla riviera orientale del Lago di Garda, a 30 Km. da Verona, su di un territorio collinoso stretto tra il lago ad Ovest, e la collina morenica di separazione ad Est tra il lago stesso e la valle dell’Adige, ove essa sbocca nella Pianura Padana.
Il territorio Comunale ha una superficie di 5.428 ettari di cui circa 1.574 ettari di terra e 3.836 di lago; amministrativamente confina a Nord con Garda, ad Est con Costermano, Affi Cavaion e Pastrengo; a Sud con Lazise; ad Ovest con la provincia di Brescia.
La quota del Capoluogo è di 65 metri sul livello del mare.
Il Comune di Bardolino ha una economia a carattere turistico incrementato dalla produzione vinicola particolarmente pregiata; infatti da Bardolino prende il nome il notissimo vino che contribuisce a rendere famosa la località.
L’origine del paese è assai remota e risale certamente alla civiltà palafitticola Italica; tracce di un villaggio palafitticolo sono presenti in Cisano (oltre che in altri comuni a sud di Bardolino).

Alcune foto di Bardolino

Il nome trova origine probabilmente in un patronimico germanico: Bardolino o in quello di “Pardali o Bardali” figlia del re Aulete fondatore di Mantova.
Numerosi sono i reperti che attestano una vita nel territorio in epoca romana, come monete, cippi, lapidi, sculture, alcuni visibili in molte parti del territorio comunale; nonché reperti cimiteriali. Anche molti toponimi locali testimoniano una civilizzazione latina, con essi molti avanzi di strutture murarie romane documentano la presenza di costruzioni fisse. Non è da dimenticare la tradizione di una predilezione dei Romani per il Garda, che trova tra gli elementi principali la Sirmione delle Terme e di Catullo.

Successivamente Bardolino dovette seguire le vicende delle varie invasioni e dominazioni Longobarde, Gote, Visigote, Franche; a tale epoca qualcuno fa risalire la prima apparizione ufficiale del nome di Bardolino; infatti durante la visita al Lago di Garda di re Pipino, spintosi fino a Malcesine, il re stesso avrebbe concesso al Monastero di S. Zeno in Verona la chiesa di S. Zenone situata in Bardolino, con tutte le sue pertinenze.
Tra l'829 e l'856 venne combattuta una battaglia tra gli abitanti del Benaco ed i Veronesi. Tutto il territorio rivierasco del Garda in quel periodo venne a costituire un’unica unità amministrativa, con capoluogo in Garda che acquistò a poco a poco tanta importanza da far sostituire al lago il proprio nome a quello originario di Benàco.
In tale periodo il territorio si premunì contro invasioni e scorrerie con la costruzione di castelli e rocche; il primitivo castello di Bardolino fu edificato verso la fine del IX secolo, quando il re Berengario autorizzo gli abitanti del Lago a costruirsi fortilizi dì protezione. Successivamente il Castello fu continuamente rifatto ed ingrandito fino all'epoca degli Scaligeri, quando assunse la forma ancor oggi visibile nelle torre, nelle porte e nell’andamento delle strade. In una mappa del 1439 esistente all’ Archivio di Stato di Venezia, risulta già nettamente delineata la topografia locale con la cinta muraria quadrata aperta verso il Lago, quattro torri ai quattro lati, due porte (porta 5. Giovanni verso Garda e porta Verona a Sud) le chiese di S. Severo dell’ 893 (l’ attuale costruita su di un tempio preesistente, come indicano le fondazioni absidiche messe allo scoperto), S. Zeno fuori delle mura (costruzione questa che presenta evidentissime analogie col Mausoleo di Galla Placidia in Ravenna: stessa struttura architettonica, medesimi elementi e persino anche qui materiali provenienti da costruzioni del periodo ellenistico); le frazioni di Calmasino (Cal Masin) e Cisano (Zisan) già delineate. Già nel 1100 è ricordato il Comune autonomo di Bardolino, e nel 1222 sì rammenta una “corporazione” di famiglie che aveva l’esclusiva della pesca lungo la spiaggia del territorio comunale. Questa attività ha dato al nucleo abitato la forma tipica del villaggio dei pescatori: a pettine.

Le case cioè vengono costruite una dietro l’altra a partire dalla prima che sorge sulla spiaggia. Le vie sono perpendicolari al litorale e ciò agevole il trasporto delle barche al sicuro davanti casa. Successivamente Bardolino seguì le sorti delle signoria Veronese degli Scaligeri, poi subì il dominio Visconteo e dal 1405 al 1797 quello della Serenissima Repubblica di Venezia. Durante quest’ultima epoca Bardolino fu il centro della dura lotta tra i Visconti e Venezia, per le battaglie navali nel Garda.

Nel 1526 Bardolino fu saccheggiata dai Lanzichenecchi che catturarono anche numerosi cittadini a scopo di riscatto; successivamente conobbe un lungo periodo di pace. Nel 1798 passò sotto I’ Austria con tutto il territorio della Repubblica Veneta; poi sotto il Regno d'ltalia Napoleonico e quindi sotto il Regno Lombardo-Veneto; in questo ultimo periodo Bardolino divenne il capoluogo di uno dei 13 distretti della provincia di Verona, comprendendo nella proprie circoscrizione tutti i Comuni della riva veronese del Garda, da Malcesine a Lazise, compreso Castelnuovo.

Nel 1848 Bardolino si ribellò alle truppe austriache con le conseguenti reazioni: incendi, saccheggi e fucilazioni.

Infine nel 1866 Bardolino entrò a far parte del Regno d'Italia.
Cosa vedere e fare

Cosa vedere a Bardolino

Fra le cose da vedere a Bardolino che non ci si può lasciar sfuggire assolutamente ci sono:

  • il Castello di Bardolino, costruito sul finire del IX secolo per volere del re Berengario con lo scopo di tutelare gli abitanti dagli attacchi dei nemici;
  • il centro storico, con le tipiche case dei pescatori a due passi dalla riva del Lago di Garda, ma anche negozietti, ristoranti e attività commerciali dedicate al turismo;
  • la Chiesa di San Zeno, d’origine carolingia. Si tratta di un’importante testimonianza storica, di cui di certo gradirai le raffinate decorazioni interne;
  • la Chiesa di S. Severo, del XII secolo (anche se si suppone che abbia origini anche più antiche). Al suo interno c’è uno splendido ciclo di affreschi del XII-XIV secolo e una cripta di Epoca Altomedievale;
  • il Museo dell’Olio d’Oliva, uno dei migliori prodotti locali, oltre al Vino Bardolino.

Sport e passeggiate

Se non si sa cosa fare a Bardolino che, come tutti i borghi di piccole dimensioni, può a lungo andare sembrare noioso, bisogna approfittare del bel tempo e della brezza lacustre per fare una passeggiata in Rivalunga, a piedi o in bicicletta. I più allenati potrebbero anche tentare di raggiungere Lazise in mountain-bike!

Le spiagge

RIVA PALAFITTE

Loc. Cisano, Bardolino

LIDO CISANO

Loc. Cisano, Bardolino

PASSEGGIATA CISANO - BARDOLINO

Loc. Cisano, Bardolino

LIDO MIRABELLO

Lungolago F. Cipriani 3, Bardolino

LIDO HOLIDAY

Riva Cornicello 5, Bardolino

PASSEGGIATA RIVALUNGA

Lungolago Rivalunga, Bardolino

• Cliccare su una spiaggia per evidenziarla sulla mappa
• Tutte le spiagge di Bardolino
Dove mangiare
I dati pubblicati in questa pagina sono stati ricavati da elenchi pubblici in internet e pertanto potrebbero essere obsoleti o non aggiornati. PianetaVERONA declina ogni responsabilità per i dati pubblicati.
  
Legenda:
Agriturismo
Osteria
Pizzeria
Ristorante
Ristorante - Pizzeria
Trattoria
Trattoria - Pizzeria
Wine Bar
Dove dormire
I dati pubblicati in questa pagina sono stati ricavati da elenchi pubblici in internet e pertanto potrebbero essere obsoleti o non aggiornati. PianetaVERONA declina ogni responsabilità per i dati pubblicati.
     
scegliere i servizi...
Legenda:
Affittacamere
Agriturismo
Albergo
Appartamenti
Bed & Breakfast
Camping
Country house
Hotel
Residence
Ricettivo Sociale
Rifugio
Villaggio turistico